Ancora un percorso ciclabile su marciapiede che mette in conflitto pedoni e ciclisti, senza aumentare la sicurezza di nessuna delle due categorie. È questa la sintesi del progetto della manutenzione straordinaria da 450 mila euro per la ciclabile di Barcola approvato dalla Giunta Dipiazza. Nonostante il finanziamento per realizzare questo intervento, che arriva dal Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, parli di “ampliamento della rete ciclabile e la realizzazione di corsie ciclabili”.

La Giunta Dipiazza, ancora una volta, non realizza infrastrutture ciclistiche moderne e di qualità: non è con marciapiedi ciclopedonali che si può dare una reale risposta alla sempre maggiore voglia di uso della bicicletta dei triestini e favorire la crescita una mobilità sostenibile nella nostra città. La scorsa estate è stato evidente l’enorme afflusso di biciclette lungo viale Miramare, un flusso che è destinato a crescere, anche considerando l’appetibilità cicloturistica della zona. Per questo abbiamo presentato in Consiglio una interrogazione in merito, per comprendere il perché di queste scelte e come questo intervento si integri con quelli previsti per la ciclovia di interesse nazionale “Trieste-Lignano Sabbiadoro-Venezia” che percorrerà viale Miramare e che è stata finanziata dal MIT, con standard minimi molto stringenti.

L’aspetto più grave del progetto è che nessuno dei punti dove adesso il percorso ciclabile è assente viene messo in sicurezza da questo intervento. Si sistema il marciapiede e non si fanno i necessari e urgenti interventi di cucitura tra i vari tronchi del percorso per garantirgli continuità e sicurezzaNell’itinerario ciclabile che va dalla stazione al Bivio di Miramare manca un percorso ciclabile nella pericolosa doppia curva sotto il ponte ferroviario, nel tratto da via del Boveto alla fine della Pineta e manca pure il collegamento con piazza Libertà. Non capiamo perché non siano stati ritenuti questi tratti come prioritari per l’utilizzo del finanziamento del MIT: nei prossimi giorni presenteremo una mozione nella III Circoscrizione in cui chiederemo di mettere al più presto a bilancio le risorse per realizzare i tratti mancanti.  L’archivio regionale degli incidenti stradali ARIS mostra che ci sono stati 15 incidenti in 5 anni che hanno coinvolto persone in bicicletta nei tratti di viale Miramare dove manca il percorso ciclabile.

La ciclabile di Barcola è un percorso molto utilizzato da giovani e famiglie in estate: per questo merita un’attenzione diversa. È necessario un percorso continuo, sicuro e comodo, che non metta in conflitto ciclisti e pedoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *